> Home > Cosa visitare > Centri Storici


Visualizza sulla mappa

Farnetella Sinalunga

CENTRI STORICI

Farnetella

PROPONI INTEGRAZIONI O CORREZIONI
Per ricevere maggiori informazioni su questo luogo o per segnalare correzioni ed integrazioni all'argomento trattato compila il modulo sottostante:










RECAPITI E ORARI

Farnetella


Biglietto da visita (vCard)


Farnetella è una piccola frazione del comune di Sinalunga (SI), situata su uno dei colli del lato occidentale della Val di Chiana senese, a pochi chilometri dal capoluogo comunale, tra Scrofiano e Rigomagno.

Farnetella ha la struttura di un borgo medievale con il castello, con 4 borghi paralleli, collegati con vicoli trasversi e con la cinta muraria, di cui restano tracce non facilmente leggibili; tuttavia verso la parte sud-est del paese, è visibile parte di una torre di difesa semicircolare.

Su Farnetella non si hanno notizie di origini antichissime. L’origine di Farnetella risale al Medioevo e precisamente in un periodo compreso tra il V secolo ed il VI secolo. Nel primo medioevo fu residenza di un ramo della famiglia dei Cacciaconti, ovvero i conti della Scialenga, poco dopo aver preso dimora nel castello di Rigomagno.

Il castello di FarnetellaFarnetella fino dalla sua origine era ubicata su un altissimo poggio, sopra l'attuale abitato, chiamato tuttora, non a caso Castelvecchio. Era circondata da forti ed alte mura e la sua posizione era inespugnabile. All'interno si trovava il Castello, descritto come potente e inaccessibile intorno all'anno 1000, che faceva parte del piccolo dominio dei nobili Barotti, che comprendeva anche San Gimignanello, Montalceto (oggi Torre S.Alberto) e Castiglioni (detto anche Castiglion Barotti) nei pressi di Rapolano Terme. Inoltre si trovavano un'ampia signoria, una corte, delle case, una Chiesetta e una Cappella.

Nei primi anni del 1100, dopo una guerra, Montalceto, San Gimignanello e Farnetella furono occupati dai conti della Scialenga (i Cacciaconti).

Il primo documento che si riferisce a Farnetella risale al 1175, un documento con il quale Siena ordinava ai conti Scialenghi la restituzione del castello di Farnetella agli antichi proprietari, i conti Barotti.

I Conti Barotti ripresero possesso, ma nel 1234 dovettero fare i conti con l'imperatore Federico II che concesse formalmente Montalceto a Ildibrandino di Guido Cacciaconti degli Scialeghi, la cui famiglia, poco dopo, assunse il controllo anche di Farnetella.

Il castello di FarnetellaNel 1271 Farnetella fu accusata di alto tradimento verso la Repubblica di Siena, per aver dato ricetto a Ghibellini fuoriusciti dalla città. Sia per Farnetella che per Rigomagno è difficile dire se furono gli abitanti ad offrire ricetto, o se, piuttosto, non furono i Ghibellini ad invitarsi da soli.

Su Farnetella, fu applicata la legge che prevedeva secondo il costituto del 1262, che i castelli del contado o distretto di Siena, che si fossero resi colpevoli di tradimento verso la Repubblica, dovevano essere distrutti e mai più ricostruiti.

Il castello di Farnetella fu così raso al suolo dalle truppe Senesi del Terzo di Camollia, per ordinanza del Vicario Monforte.

Nel gennaio 1295 gli abitanti di Farnetella inviarono una supplica a Siena, nella quale esponevano la propria innocenza.

Appena un mese dopo, nel febbraio 1295, il Consiglio Generale della Campana deliberò in favore dei supplicanti, consentendo a tutti coloro che non avevano colpa, di poter tornare ad abitare nella corte di Farnetella.

Gli abitanti ricostruirono rapidamente il borgo, in un luogo diverso rispetto a prima, con la caratteristica struttura a tre vie in leggera pendenza, che conserva tuttora, ispirandosi probabilmente alla vecchia struttura di Rigomagno.

Nel 1324, dopo che Farnetella era già stata ricostruita, Messer Deo Guccio Tolomei, ribelle del Comune di Siena, con le sue truppe, la saccheggiò, la devastò e la incendiò.

Con pazienza, gli abitanti tornarono a ricostruire il loro paese con una cerchia di mura più ampia.

Nel 1554, Farnetella subì un nuovo assalto, che sostenne coraggiosamente, da un distaccamento dell'esercito di Carlo V.

Il castello di Farnetella Il castello di FarnetellaSi deve ad Adolfo Ferrari, proprietario della tenuta, l'attuale fisionomia di Farnetella. Verso la fine del 1800, infatti, fece iniziare i lavori per una grande costruzione residenziale, in stile di castello, fornita di tutte le comodità moderne in un ambiente dal sapore nobilmente antico, per il soggiorno di ricchi villeggianti. Ma il progetto, forse un po' troppo ambizioso per i tempi, mise a dura prova le risorse finanziarie del Ferrari e restò incompleto. Tuttavia la grande mole del castello e la villetta attigua, caratterizzano l'aspetto dell'intero paese.

Il castello di Farnetella ha numerosi affreschi, grandi mobili e la splendida sala da pranzo in legno, opera del senese Giovanni Sammicheli. L’artista senese lavorò per il Ferrari alcuni anni, a partire dal 1906. Molte decorazioni del castello sono sue. Inoltre realizzò il Gesù Morto, una bellissima scultura lignea conservata nella Chiesa della Compagnia Santa Croce.

Farnetella fu a lungo comune indipendente, ma fu annesso al comune di Sinalunga alla fine del XVIII secolo.

La pagina, presente su Wikipedia (http://it.wikipedia.org/wiki/Farnetella), è rilasciata secondo la licenza libera GFDL (http://www.gnu.org/copyleft/fdl.html) e gli autori sono indicati qui (http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=Farnetella&action=history).

SOGGIORNI NELLE VICINANZE

PODERE PIEVINA

SINALUNGA

Antico casale in pietra del 1700 restaurato con criterio conservativo che ne ha lasciati i...

PODERE MENCOINI

SINALUNGA

Podere Mencoini, vecchio casale, accuratamente restaurato, con un giardino, un oliveto ed ...

OSTELLO ASINALONGA

SINALUNGA

Di Scrofiano, piccolo borgo in collina che ospita l’Ostello per la Gioventù, ...

RISTORO E SVAGO NELLE VICINANZE

Teatro Ciro Pinsuti

SINALUNGA

In sala: 86; nei palchi/galleria/loggione: 64, per un totale di 150 posti La fonte pi&u...

Pasticceria LA DIVINA COMMEDIA

SINALUNGA

Un locale molto particolare, a cominciare dal nome inusuale che richiama tempi antichi e i...

LA SIRENA, Ristorante Pizzeria

SINALUNGA

Locale sorprendentemente eccezionale, non solo per la sua collocazione in mezzo a un’area ...